Creare un nuovo progetto di salute, o meglio riscoprire come già funziona il nostro perfetto programma “naturale” di mantenimento della salute. Questo il senso di quello che, insieme ai miei collaboratori, sto portando avanti. Ma… come diffondere questo progetto di salute?

VISION

Innanzitutto condividendo con voi la nostra vision.
Per ottenere maggior salute è importante che la persona diventi responsabile del proprio progetto di salute, fino al punto di divenire autonoma. La natura è perfetta, siamo fatti per stare bene, non avremmo bisogno di medici o di qualcuno che ci dica cosa fare e non fare per mantenerci sani… Ma allora, qual è il momento che ci ha disorientati facendoci perdere questa autonomia?
Io ho individuato due passaggi ontologici fondamentali:

  1. durante il corso dei secoli abbiamo perso informazioni preziose sulle “regole del gioco”
  2. di conseguenza abbiamo dimenticato anche la capacità di declinarle nella nostra vita di ogni giorno

Prendere coscienza del punto in cui ci troviamo, di quanto abbiamo scordato e di quanto possiamo recuperare è il primo passo per indirizzarci sulla via della guarigione. Riscoprire il nostro passato, le nostre radici e le contraddizioni del nostro presente ci permetterà di costruire il nostro miglior futuro, al di là di ogni aspettativa.

STRUMENTI

Il secondo step per creare un nuovo progetto di salute consiste nel fornire, condividendoli con voi, gli strumenti a nostra disposizione, le migliori strategie e le conoscenze che stiamo utilizzando e che quotidianamente ricerchiamo per noi, per i nostri cari e per tute le persone che vorranno usufruirne, tra cui ognuno può trovare quello che ritiene più adatto a sé.

Non un solo strumento, non una sola strada, ma la libertà di scegliere, di provare e di scoprire la nostra personale via per la salute e la Vita, accompagnati e sostenuti da chi ha già battuto la pista davanti a noi! Citando le parole di Don Juan riportate da Castaneda:

“Tutto è solo una strada tra tantissime possibili. Devi sempre tenere a mente che una strada è solo una strada; se senti che non dovresti seguirla, non devi restare con essa a nessuna condizione. Per raggiungere una chiarezza del genere devi condurre una vita disciplinata. Solo allora saprai che qualsiasi strada è solo una strada e che non c’è nessun affronto, a se stessi o agli altri, nel lasciarla andare se questo è ciò che il tuo cuore ti dice di fare. Ma il tuo desiderio di insistere sulla strada o di abbandonarla deve essere libero dalla paura o dall’ambizione. Ti avverto, guarda ogni strada attentamente e deliberatamente. Mettila alla prova tutte le volte che lo ritieni necessario. Quindi poni a te stesso, e a te stesso soltanto, una domanda: “Questa strada ha un cuore?”. Se lo ha, la strada è buona, se non lo ha non serve a niente.”
(Carlos Castaneda, “Gli insegnamenti di Don Juan“)

Per questo il nostro lavoro si rivolge alle persone lì dove si trovano, per stimolarle alla piena autonomia:

  • ai bambini per farli maturare in maniera consapevole
  • ai genitori e agli educatori per consegnare loro gli strumenti per far crescere in profonda salute i bambini;
  • a giovaniadulti e anziani che vogliono riappropriarsi della propria vita senza dipendere in maniera totale dal medico o da figure terapeutiche

Accade spesso che una figura sanitaria autorevole ai nostri occhi emetta la propria diagnosi nei nostri confronti, talvolta decretando addirittura l’impossibilità di vivere una vita normale ed essere autonomi a causa di qualche patologia. Anche di fronte a “sentenze” come queste, ci ricordiamo che siamo nati per essere sani e autonomi sulla via della guarigione?
Integrare le conoscenze che ci vengono proposte – pur con competenza – dall’esterno, con quelle “interne” connesse alle leggi più profonde della Vita è secondo noi la strada maestra per ritrovare non solo la salute ma anche la felicità, per sentirsi parte di un progetto armonioso e intelligente più grande.

PRESENZA

Dopo che una persona ha acquisito vision e strumenti, cosa succede?
Molto spesso quanto si legge in un libro, si guarda in un video o si ascolta in una conferenza non è sufficiente a trasformare la nostra vita. Ne comprendiamo il senso, capiamo che, per migliorare la nostra situazione, qualcosa da fare c’è e che è possibile farlo… Ma la domanda che spesso rimane senza risposta è:

  • Come fare in concreto?
  • Come cambiare le abitudini che imprigionano le nostre giornate in grigie e spesso malsane routine?
  • Come orientare la rotta della nostra vita verso lidi più soleggiati?
  • Dove trovare le energie necessarie al cambiamento?

È per questo che nel nascente progetto di salute stanno prendendo forma anche situazioni di condivisione, per sostenere – tramite la forza di un gruppo – i cambiamenti individuali, o addirittura per accompagnare per mano chi non se la sente di proseguire da solo lungo una nuova via di guarigione…

Già ora i professionisti del Centro di osteopatia e medicina funzionale integrata Breath of Life Studio a Spresiano (Treviso) curano e aiutano le persone a capire meglio le “regole del gioco” e a recuperare le energie vitali dell’organismo.

Già ora la Nuova Scuola di Osteopatia offre corsi di formazione per professionisti della salute.

Già ora BLS ha creato il marchio Altra Salute, sotto il quale hanno preso forma conferenze, un sito, una pagina Facebook e diversi video, tutti fruibili gratuitamente all’insegna della divulgazione di questo spirito.

Ma non è tutto! Presto, con la nuova sede della Nuova Scuola di Osteopatia a Treviso vedranno la luce altri progetti in linea con la nostra mission: fornire possibilità di guarigione e risposte per le persone in qualunque punto della loro vita, a livello cronologico ed esistenziale, si trovino.

RESPONSABILITA’

Se viene considerato “normale” fare la scuola guida per imparare a guidare un veicolo, perché sembra strano studiare per imparare come si vive? E’ vero, in realtà sapremmo farlo, ma avendo perso gli strumenti e le conoscenze da mettere in campo spesso ci troviamo a sopravvivere e non siamo in grado di valorizzare la nostra unicità e il nostro potenziale energetico.
Per questo nascono le scuole e i corsi di formazione, le sedute terapeutiche e i colloqui individuali: per aiutarci a riprendere in mano le redini della nostra vita.

Poi, però, dopo l’intervento dello specialista tutto torna in mano al suo paziente, perché ogni persona è responsabile di se stessa e delle scelte che fa.

Non vogliamo diventare “stampelle a vita” per chi si rivolge a noi. Invece, capita spesso, purtroppo, che le aziende del settore sanitario lucrino sulla malattia. Viceversa il nostro obiettivo è stimolare in tutti i modi un cambiamento radicale nelle persone con cui entriamo in contatto. Più il gruppo è forte più sarà facile raggiungere questo obiettivo.

La meta sarà raggiunta quando non ci saranno più pazienti da curare e guarire!

Per questo vi invitiamo ad unirvi a questo progetto, che non è nostro ma di tutti!
Cerchiamo presenza, supporto, partecipazione ed entusiasmo… se volete saperne di più, se qualcosa non vi è chiaro, se desiderate qualcosa in particolare, se avete idee o spunti da fornirci… scriveteci qui sotto i vostri commenti, oppure in privato a info@osteopatiatreviso.it
Siamo sicuri che ciascuno di noi troverà la risposta che cerca!

Commenti

Mario Pasini il 17 April 2017 alle 17:29

Se la salute di ciascuno compete prima di tutto ad ognuno di noi, perchè i vari corsi (come la scuola di osteopatia) è rivolta esclusivamente a “professionisti”? Perchè non può partecipare anche chi è interessato ‘per se stesso’? Grazie se ci sarà risposta.


Inserisci un Commento
Nome:
Email:
Website:
Commento:

  • Newsletter

  • Siti Amici